Gnatologia

Cos’è la gnatologia?

La gnatologia è la disciplina che studia le fisiopatologie mandibolari e le funzioni del cavo orale connesse: masticazione, deglutizione, fonazione, respirazione.

 

A cosa serve la terapia gnatologica?

La terapia gnatologica consiste nel ristabilire le funzionalità della mandibola e tutte le attività ad essa legate, dalla masticazione alla respirazione, fino alla postura e ai problemi di udito, ripristinando il giusto rapporto di essa con il cranio.

 

Gnatologia: come funziona?

Durante la prima visita lo gnatologo ricostruisce la storia e il quadro clinico del paziente e individua le cause del dolore o del disturbo manifestato. Solitamente questo processo si articola in diverse fasi: anamnesi, analisi dell’occlusione dentale, della funzione masticatoria, dello stato delle articolazioni ATM e infine analisi dello stato dei muscoli cervicali.

Per effettuare una terapia gnatologica vengono utilizzati solitamente manufatti (bite) di resina e metallo utili al riposizionamento corretto della mandibola. In casi più specifici è possibile ricorrere anche a protesi o ricorrere all’ortodonzia per modificare le posizioni dentali.

 

Chi può effettuarla?

Tutti possono sottoporsi a questo tipo di visita, il medico gnatologo potrà invece valutare la migliore terapia a seconda elle caratteristiche del paziente e della patologia da curare.

 

Quali sono le norme di preparazione alla terapia gnatologica?

Non sono necessarie norme di preparazione particolari.

 

La visita gnatologica è dolorosa o rischiosa?

La visita gnatologica non è dolorosa o invasiva.