TAC Arcata Dentaria - CONE BEAM

Cos’è la TAC arcata dentaria

La TAC Volumetrica Dentale Computerizzata o CONE BEAM è un esame a scopo diagnostico per lo studio tridimensionale del complesso Cranio-Collo. Questo tipo di Tac all’avanguardia restituisce immagini molto più definite e nitide rispetto a quelle restituite dalla consueta radiografia panoramica. Si tratta di una vera e propria rivoluzione per il campo della diagnostica per immagini in odontoiatria e nella chirurgia maxillo facciale, che rende possibili ricostruzioni estremamente precise.

 

A cosa serve

La Tac Cone Beam consiste in un esame di diagnostica per immagini, che riesce a dare una visione molto chiara sia dei tessuti molli (gengive) sia di quelli solidi (i denti e le ossa mascellari e mandibolari), ed è diventata sempre più importante nella pianificazione del trattamento e nella diagnosi nell’implantologia ed in particolare è indispensabile nelle tecniche di implantologia computer assistita.

Anche nei casi di interventi chirurgici maxillo facciali, a seguito di traumi o per la correzione di malformazioni congenite o di malocclusione, la Tac Cone Beam si rivela ideale per la pianificazione virtuale dell’intervento, che eventualmente può anche essere eseguito in modalità computer guidata.

 

Come funziona

Si esegue con un macchinario di ultima generazione, non invasivo e che non comporta particolari preparazioni prima dell’esecuzione dell’esame.

Durante una scansione CONE BEAM lo scanner ruota a 360° attorno alla testa del paziente, ottenendo fino a quasi 600 immagini distinte. Il software di scansione raccoglie i dati e ricostruisce le immagini, producendo un volume digitale con i dati anatomici del paziente, che possono poi essere manipolati e visualizzati con software appropriati.

L’esame ha la durata di pochi secondi e può essere comodamente eseguito sia in piedi che in posizione seduta.

Al termine dell’esame, il risultato in 3D sarà estremamente chiaro, al punto che sarà possibile anche individuare minuscoli granulomi. Proprio l’individuazione dei granulomi di piccolissime dimensioni è uno dei motivi per i quali viene eseguito questo esame, che si rivela utile per prevenire la trasmissione dell’infezione al parodonto e l’insorgere, in casi estremi, di una neoplasia. È utile anche per individuare la posizione dei denti inclusi e decidere come intervenire.

 

Chi può effettuarla

Tutti possono sottoporsi con tranquillità all’esame.

 

Norme di preparazione

Non sono previste particolari norme di preparazione.

 

È dolorosa o pericolosa?

No, la TAC arcata dentaria non è né dolorosa né pericolosa. La simulazione a questi livelli è quanto mai vicina a un intervento reale e comporta una minima esposizione ai raggi X, proprio perché il raggio conico del macchinario indaga su un’area circoscritta.