ANGIOLOGIA

Cos’è l’angiologia

L’angiologia è la branca della medicina che studia e verifica il buon funzionamento di vene e arterie e in generale del sistema circolatorio a tutti i livelli. Nella nostra struttura di Monza l’angiologia viene trattata servendosi degli strumenti diagnostici più moderni quali l’ecocolordoppler.

 

A cosa serve

Una visita angiologica è necessaria quando il paziente manifesta dei fastidi circolatori o intende assumere un atteggiamento preventivo rispetto alle tipiche malattie cardiovascolari, come ictus, infarto, trombosi, embolia, formazione di placche aterosclerotiche, aneurisma, dissecazione dell’aorta e simili.

 

Come funziona

L’angiologo indaga sulla storia del paziente per capire se nello stile di vita, in talune abitudini alimentari o riguardanti un modus vivendi sedentario, possa trovarsi la causa del fastidio che riferisce. È importante anche individuare alcuni fattori di rischio come il fumo e le malattie dismetaboliche come colesterolemia e diabete, l’ipertensione, che possono considerarsi aggravanti di una patologia circolatoria pregressa.

Nel caso in cui siano presenti le cosiddette “vene varicose” il medico procede con un controllo localizzato palpando le sedi interessate. La procedura è quella dell’auscultazione attraverso il fonendoscopio per indagare su possibili soffi vascolari che sono indice di una patologia correlata. In tal caso l’esame prevede anche che il paziente assuma una posizione eretta che evidenzi le varici e l’eventuale irritazione localizzata, che indica un processo flogistico in atto e che riguarda la parete venosa.

In presenza di dolore alle gambe di soggetti predisposti a malattie vascolari, l’angiologo può decidere di eseguire un eco-doppler o un ecocolordoppler.

La visita angologica permette di verificare il flusso del sangue e localizzare con precisione dove si trova l’eventuale occlusione. L’eco-color doppler è ancora più preciso in quanto sfrutta la luminescenza naturale (lume interno) sia delle vene che delle arterie. Con l’utilizzo di una sonda a ultrasuoni esterna che filtra le immagini attraverso l’uso di un gel e le proietta su videoterminale, si può osservare con estrema accuratezza il tipo di flusso, che dove è minore evidenzia una stenosi o, al contrario, la pervietà delle stesse vene e arterie.

Un esame simile si esegue anche all’altezza delle carotidi, le grandi arterie del collo. Si può quindi avere un quadro chiaro e completo del funzionamento dei vasi sanguigni e del sistema circolatorio sottoponendosi ad esami tutt’altro che invasivi e che garantiscono una diagnosi precisa e accurata.

 

Chi può effettuarla

Tutti possono sottoporsi con tranquillità all’esame.

 

Norme di preparazione

Non sono previste particolari norme di preparazione per la visita angiologica.

 

È dolorosa o pericolosa?

Questa particolare visita è indolore e non invasiva.