MOC - Minerallometria Ossea Computerizzata

Cos’è la MOC

La MOC o Minerallometria Ossea Computerizzata è la metodica di riferimento nella diagnosi dell’osteoporosi, utilizzata per valutare la mineralizzazione delle ossa. È quindi in grado di rilevare un’eventuale degenerazione delle ossa attraverso una misurazione della densità della massa ossea.

 

A cosa serve

La MOC fornisce una valutazione quantitativa della densità minerale dell’osso tramite raggi X ed è utile per prevenire, diagnosticare e controllare l’evoluzione dell’osteoporosi. È consigliata anche agli sportivi spesso afflitti da infortuni da stress senza una causa evidente – dove quindi si sospetti una rarefazione dell’osso, una scoliosi dorso-lombare marcata, una calcificazione anomala, un’artrosi degenerativa della colonna o la frattura spontanea di una vertebra.

 

Come funziona

L’esame ha una durata di circa 10 minuti e prevede che il paziente si posizioni sdraiato su un lettino densitometrico appoggiando le gambe su un apposito sostegno.

 

Chi può effettuarla

La MOC non ha particolari controindicazioni e può essere eseguita a qualsiasi età. È però sconsigliata per le donne in stato interessante.

È necessaria e quindi da raccomandarsi in caso di:

  • menopausa precoce (prima dei 45 anni) e in tutti i casi di carenza estrogenica
  • per le donne in premenopausa in presenza di elevati fattori di rischio (terapie con cortisone, con immunodepressori, malattie particolari come ipertiroidismo e celiachia)
  • riscontro radiologico di osteoporosi o cedimenti vertebrali
  • perdita di statura di oltre 6 cm

 

Norme di preparazione

Questo esame non richiede una specifica preparazione, l’unica accortezza è nel rimuovere eventuali oggetti metallici (gioielli, ecc.).

 

È dolorosa o pericolosa?

No, la Minerallometria Ossea Computerizzata è indolore e non invasiva, inoltre l’esposizione alle radiazioni è molto bassa.