Piscina riabilitativa - IDROKINESITERAPIA

Cos’è

L’Idrokinesiterapia è l’insieme delle tecniche riabilitative eseguite in acqua.

 

A cosa serve

L’Idrokinesiterapia risulta essere particolarmente indicata per il recupero motorio dopo interventi chirurgici. Grazie alle qualità fisiche dell’acqua (galleggiamento, pressione idrostatica e viscosità) è possibile agire su carico, riassorbimento degli edemi e rilassamento muscolare, oltre ad un’azione completa sulla resistenza opposta ai movimenti del corpo. I benefici ottenuti grazie alla terapia in acqua influiscono sui seguenti sistemi: muscoloscheletrico, cardiovascolare, nervoso, respiratorio.

La pressione esercitata dall’acqua sul corpo favorisce il flusso circolatorio e linfatico con la riduzione degli edemi. La temperatura dell’acqua superiore ai 30°C favorisce, inoltre, il rilassamento muscolare, migliorando la circolazione e l’aumento della soglia del dolore.

L’idrokinesiterapia è raccomandata: nelle prime fasi dei programmi riabilitativi e dopo interventi chirurgici per riprendere in maniera corretta i movimenti spontanei.

 

Come funziona

Si tratta dell’esecuzione di esercizi motori all’interno di una piscina riabilitativa (riscaldata a seconda delle esigenze, tendenzialmente tra i 25° e i 32°) a corpo libero o eseguiti con l’aiuto di speciali attrezzature e strumenti (corrimano, parallele e spalliere, idrogetti, manubri per piscina etc..). L’operatore specialista segue il paziente indicando gli esercizi da eseguire a secondo del tipo di terapia e di patologia riscontrata e loro giusto modo di esecuzione. La piscina riabilitativa ha zone di diversa profondità per permettere a tutti i pazienti di avere l’acqua all’altezza del torace indipendentemente dalla loro statura.

 

Chi può effettuarla

Tuti possono effettuare sedute di idrokinesiterapia.

 

Norme di preparazione

Non sono necessarie norme di preparazione specifiche

 

È dolorosa o pericolosa?

Non si tratta di una terapia dolorosa ne pericolosa.