Tecar terapia

Cos’è

La Tecar Terapia è una tecnologia brevettata altamente innovativa, che sfrutta una radiofrequenza a bassa intensità (0.485 Mhz) veicolata attraverso due elettrodi differenti a seconda dei tessuti che si vogliono trattare. Agisce in maniera non invasiva, stimolando energia direttamente dall’interno del corpo e incrementando l’attivazione dei normali processi cellulari. Nata e sviluppata nell’ambito dello sport professionistico per soddisfare l’esigenza di risultati concreti e di tempi di recupero sempre più rapidi, la Tecar Terapia rappresenta oggi un valido supporto in altri ambiti della medicina, dalla reumatologia alla flebolinfologia, dalla terapia del dolore alla medicinaestetica, passando per il campo del benessere.

 

A cosa serve

Particolarmente indicata per la cura di disturbi muscolo scheletrici, la tecar terapia trova più frequentemente applicazione per il trattamento di patologie in ambito sportivo e ortopedico. Inoltre permette di conseguire ottimi risultati anche in ambito estetico, reumatologico e vascolare.

Infiammazioni, lesioni muscolari di lieve entità, contratture, deficit circolatorio o linfedemi: tutte queste problematiche possono essere trattate con notevoli benefici per il paziente, già a partire dalla prima seduta.

Questa terapia si può utilizzare immediatamente dopo un trauma o nella fase acuta di un processo infiammatorio, garantendo così buoni risultati in tempi rapidi.

Patologie trattabili con la tecar terapia:

 

  • Distorsioni 
  • Lesioni tendinee  
  • Tendiniti e borsiti 
  • Processi artrosici 
  • Miositi 
  • Capsuliti articolari 
  • Contratture, stiramenti, strappi muscolari
  • Distrazioni osteoarticolari acute e recidivanti
  • Artralgie croniche di varia eziologia
  • Esiti di traumi ossei e legamentosi
  • Lombalgie e sciatalgie
  • Cervicalgie e cervicobrachialgie

 

Come funziona

Il principio alla base della tecar terapia è rappresentato dalla possibilità di trasmettere ai tessuti lesi dell’energia biocompatibile, inducendo al loro interno le cosiddette “correnti di spostamento”. Tali correnti sono prodotte dal movimento alternato delle cariche elettriche tramite gli ioni.

L’iter che si segue per effettuare un trattamento di tecar terapia prevede il contatto tra l’elettrodo passivo ed il corpo del paziente. Successivamente si lavora sulla parte da trattare con un secondo elettrodo, che può sia venire fissato al tessuto patologico che essere guidato dal fisioterapista manualmente. In genere la durata del trattamento si aggira intorno ai venti minuti, ma varia in relazione alla patologia ed alla sua entità.

 

Chi può effettuarla

La tecar terapia va effettuata sotto suggerimento medico; essa è controindicata nei casi di gravidanza, neoplasie maligne, arteriopatie scompensate, pace-maker, parestesia nella parte da trattare.

 

Norme di preparazione

Non sono necessarie particolari norme di preparazione

 

È dolorosa o pericolosa?

La tecar terapia è una procedura non invasiva, pertanto il paziente non avverte dolore o fastidio durante il trattamento.