Risonanza Magnetica

Cos’è la Risonanza Magnetica

La Risonanza Magnetica è una tecnica di diagnostica per immagini in utilizzo dai primi anni ’80, non invasiva e dalle svariate aree di applicazione.

 

A cosa serve

La Risonanza Magnetica è utile per esplorare diverse zone, organi e distretti del nostro corpo: encefalo e midollo spinale, ossa, muscoli e articolazioni, torace, addome e pelvi, cuore e vasi. È in grado di fornire immagini talmente dettagliate da risultare complementare e a volte sostitutiva della TAC nelle valutazioni di malattie o patologie presenti in alcuni distretti. Si propone spesso come alternativa non invasiva all’angiografia. Fornisce immagini anatomiche molto precise pressoché di tutti gli organi e distretti e permette di identificare lesioni non ben valutabili con altri esami.

 

Come funziona

La Risonanza Magnetica viene effettuata con apparecchiature aperte di ultima generazione, adatte anche a pazienti che soffrono di obesità e/o claustrofobia:

  • Risonanza magnetica aperta anticlaustrofobica Siemens Magnetom Aera 1,5 tesla

Il paziente è sdraiato su un lettino.

La lunghezza complessiva del sistema da coperchio a coperchio è di soli 145 cm permettendo di realizzare quasi tutti gli esami con la testa fuori dal magnete.

Il Gantry (l’apertura in cui entra il paziente) è molto ampia, di 70 cm di diametro ed è possibile effettuare gli esami a pazienti obesi fino a 260 kg.

Inoltre un impianto acustico permette al paziente di parlare in qualsiasi momento con il medico.
Un circuito televisivo permette agli operatori di vedere continuamente l’assistito.

  • Risonanza magnetica Philips 1,5 tesla

Sistema diagnostico di eccellenza.
La più moderna tecnologia oggi esistente per effettuare esami diagnostici sia al cervello che alla colonna, agli organi addominali, ai vasi, ai polmoni e alle articolazioni.

 

Chi può effettuarla

L’indagine di RM è sconsigliata se il paziente ha:

  • un pace-maker (controindicazione assoluta)
  • protesi articolari ferro – magnetiche (controindicazione assoluta)
  • protesi valvolari con parti in metallo
  • spirale endouterina
  • placche e viti metalliche

Da evitare, se non assolutamente indispensabile, nelle prime dodici settimane di gravidanza.

 

Norme di preparazione

Non esistono norme particolari da seguire prima di effettuare la Risonanza Magnetica.

 

È dolorosa o pericolosa?

La Risonanza Magnetica è un esame non invasivo e senza raggi X, è sconsigliata solo a pazienti portatori di pacemaker o di clips vascolari cerebrali.