Dermatologia (asportazione verruche)

Che cos’è?

dermatologo monzaLa visita dermatologica è un esame diagnostico atto a individuare, escludere o semplicemente monitorare una patologia di carattere dermatologico.  Il dermatologo è in grado di accertare e individuare anomalie nella condizione dei nei, presenza di pomfi e/o angioedemi, eruzioni cutanee, verificare la natura di pruriti o identificare le cause di variazioni nella consistenza e nel colore della cute.

 

A cosa serve?

Sottoporsi ad una visita dal dermatologo è utile per diagnosticare e trattare le patologie cutanee come eritema dermatite, acne, psoriasi, eczema, verruche e per monitorarne l’evoluzione e la guarigione.

 

Come funziona?

Le visite dermatologiche si dividono in due parti, nella prima viene eseguita l’anamnesi del paziente, ovvero vengono raccolte le informazioni riguardanti la sua storia clinica e il suo stile di vita (alimentazione, consumo di alcol, vizio del fumo, assunzione di farmaci, eventuali patologie a carico etc..) e la patologia riscontrata (comparsa, durata e caratteristiche dei sintomi).

Il dermatologo esaminerà invece nella seconda parte della visita le manifestazioni cutanee che hanno portato il paziente a decidere di sottoporsi a una visita dermatologica.

Nel caso in cui la diagnosi dopo una prima visita non fosse ancora chiara, il medico dermatologo potrebbe richiedere al paziente di sottoporsi a esami strumentali ulteriori come tampone cutaneo, biopsia cutanea (e/o del sangue) o a test allergologici.

 

Chi può effettuarla?

Tutti possono sottoporsi a questo tipo di visita.

 

Norme di preparazione

Non sono previste norme di preparazione particolari, è ad ogni modo necessario portare con sé eventuali esami dermatologici effettuati in precedenza. Inoltre è opportuno presentare eventuali esami del sangue (se effettuati recentemente) e indicare se e quali farmaci vengono assunti quotidianamente.

 

È dolorosa o pericolosa?

No, si tratta di una visita non invasiva e assolutamente priva di rischi per il paziente.

ASPORTAZIONE VERRUCHE

Verruche: cause e cure principali

La causa principale delle verruche è un’infezione virale dovuta ad alcuni ceppi dell’HPV (Papilloma virus umano); le verruche clinicamente sono identificabili come piccole protuberanze cutanee ipercheratosiche, caratterizzate da una forma semisferica e da sfumature giallo-grigiastre.

Possono manifestarsi sulle dita, sulle mani, nel contorno delle unghie o anche sulla pianta del piede causando più dolore, se subisce una pressione. Raramente fuoriescono in altre parti del corpo come arti, tronco ed estremità cefalica.

 

Classificazione delle verruche

Si possono distinguere le verruche in:

  • Verruche ano-genitali o condilomi.
  • Verruche comuni o volgari;
  • Verruche piane– più piccole e numerose, spesso asintomatiche, in alcuni casi difficili da riconoscere. Si manifestano principalmente sul dorso delle mani e sul viso;
  • Verruche plantari– fuoriescono sulla pianta del piede;

 

Quali sono le cause delle verruche?

L’infezione virale, che causa le verruche, è sostenuta da uno degli oltre settanta papilloma virus che riguardano l’uomo (detti HPV, da Human Papilloma Virus); il contagio può avvenire attraverso un contatto diretto o indiretto con le proprie verruche o con le verruche altrui.

Il virus HPV resta isolato nella pelle e non penetra nel sangue.

I fattori che aumentano il rischio di contrarre il virus sono:

  • frequentare assiduamente ambienti pubblici, in particolar modo piscine e palestre e utilizzare docce aperte alla collettività;
  • l’eccessiva esposizione alla luce del sole (comprese le lampade abbronzanti) favorisce la diffusione del virus.
  • l’indebolimento delle difese immunitarie a causa di patologie debilitanti, stress, ecc.;
  • l’uso promiscuo di accappatoi, asciugamani, calzature e oggetti per la cura delle unghie;
  • la presenza di lesioni della cute che facilita l’ingresso dei virus;
  • una scarsa igiene cutanea;

 

La Diagnosi

Individuare la presenza di verruche è possibile durante la visita dermatologica, attraverso semplicemente l’osservazione da parte dello specialista dell’escrescenza.

 

Come curare le verruche?

Sono presenti diverse modalità di trattamento. Tuttavia, le verruche hanno un alto rischio di recidiva e sono difficili da eliminare completamente.

È però importante impedire la loro diffusione in altre aree del corpo intervenendo tempestivamente.

Il trattamento è differente a seconda del tipo di verruca: posizione, profondità, numero ed estensione dell’area cutanea colpita.

La cura più semplice ed indolore si basa sull’applicazione di creme o soluzioni cheratolitiche a base di acido lattico, acido salicilico, acido tricloroacetico ed urea in varie percentuali.

Più efficace è invece la crioterapia con azoto liquido; non priva di dolore, questo trattamento utilizza l’attività congelante dell’azoto liquido, spruzzato direttamente sulla verruca o applicato tramite un piccolo tampone; questa metodica va replicata a cadenza di 15-20 giorni fino alla completa eliminazione della verruca.

Attualmente l’asportazione mediante elettrocoagulazione è una tecnica consigliata solo in casi estremi data la sua alta percentuale di esiti cicatriziali permanenti.

 

La Prevenzione

Per scongiurare la comparsa delle verruche è consigliabile:

  • curare in maniera peculiare l’igiene della pelle (lesioni cutanee facilitano l’ingresso dei virus, mentre una pelle sana, priva di ferite e bene idratata è ha un’alta resistenza all’attacco virale);
  • evitare la condivisione di oggetti “a rischio”di contagio come oggetti per la cura delle unghie, accappatoi e asciugamani;
  • evitare il contatto diretto con le proprie verruche (per evitare l’autoinoculazione) e con le verruche altrui;
  • in particolare per prevenire le verruche della pianta del piede è consigliabile utilizzare infradito o ciabatte personali nel percorso piscina/palestra/doccia.